Questo sito utilizza i cookie. Continuando ad utilizzare il sito, Lei acconsente all'utilizzo dei cookie.
X

La Cappella Sistina di Michelangelo si risveglia alla vita virtuale

La storia di un capolavoro dell’arte, dipinto oltre 500 anni fa dal fiorentino Michelangelo Buonarroti, raccontata ora dal veneziano Marco Balich, con tecniche immersive.

Quando, nel 1508, Michelangelo Buonarroti si stese per la prima volta sotto il soffitto della Cappella Sistina, ad un altezza di oltre 20 metri, non sapeva ancora che avrebbe trascorso i successivi quattro anni a dipingere con la faccia rivolta verso l’alto, in una posizione dolorosa e scomoda. Sapeva, invece, che il collega Bramante lo riteneva scarsamente esperto nell’affresco, come d’altronde diversi altri pittori romani, invidiosi dell’incarico affidato da Papa Giulio II allo scultore fiorentino. E così incassò un cospicuo acconto di 500 ducati d’oro, costruì un’impalcatura speciale e si mise al lavoro. Terminò la complessa decorazione di quasi 500 metri quadri in appena quattro anni, lavorando perlopiù da solo. Fin da subito, l’interpretazione data alla Genesi da Michelangelo, fu un immenso successo e, nel 1534, l’artista tornò una seconda volta nella Cappella Sistina per realizzare il Giudizio Universale, un altro enorme affresco che occupa l’intera parete dietro l’altare.

Bologna - Oggi sul GG Magazine: il produttore Marco Balich presenta una personale reinterpretazione della Cappella Sistina di Michelangelo. Copyright Photography: Luca Parisse, Riccardo Ghilardi

Sono passati oltre 500 anni e la stima per l’opera del grande maestro rinascimentale è cresciuta ancora. Ogni anno, da 5 a 6 milioni di visitatori attraversano la Cappella Sistina con lo sguardo rivolto rigorosamente in alto. Ammirano i colori, la composizione, la ricchezza formale; ma pochi conoscono il mondo emotivo e storico dal quale è nata l’opera. E qui entra in campo il veneziano Marco Balich, produttore di grandi eventi ed esperto dei codici dell’emozione. Balich non si lascia intimorire dai grandi numeri: né per quanto riguarda le spese, né per quanto riguarda gli spettatori. Con la sua società di produzione, Balich Worldwide shows, ha ideato e organizzato le cerimonie di apertura e chiusura di diverse Olimpiadi: quella di Rio è stata vista da oltre 3 miliardi di persone. Quattro anni fa, l’organizzatore di grandi eventi decise di lanciarsi in una nuova sfida: raccontare le bellezze dell’Italia, questa volta in veste di produttore. La scelta cade sugli affreschi della Cappella Sistina. Nasce così, all’Auditorium Conciliazione di Roma, Giudizio Universale: Michelangelo and the Secrets of the Sistine Chapel, uno show immersivo di un’ora, un nuovo format di intrattenimento dal vivo in cui arte e intrattenimento si uniscono in un mix inedito. Balich racconta la nascita di un capolavoro dell’arte mondiale, i tormenti e le riflessioni dell’artista e la Roma del ’500, utilizzando tecnologie di ultima generazione, proiezioni immersive e performance dal vivo. Il pubblico si trova al centro della scena: proiezioni a 270° in altissima definizione e coreografie che invadono la sala. Inoltre, Balich è bravissimo a coinvolgere artisti eccezionali: il tema musicale dello show, un Dies Irae del XIII secolo, è stato riadattato e cantato in latino da Sting, la voce di Michelangelo è di Pierfrancesco Favino, le musiche sono di John Metcalfe, le coreografie di Fotis Nikolaou, il sound design di Mirko Perri.

Di fondamentale importanza è stata la collaborazione con i Musei Vaticani. Non solo il museo ha messo a disposizione immagini degli affreschi ad altissima risoluzione – che offrono la possibilità di soffermarsi su dettagli, invisibili durante una visita turistica della Cappella – ma anche la loro consulenza in campo storico e artistico è stata un contributo prezioso. Resta solo da vedere se il format dei grandi show permanenti possa funzionare anche a Roma, per di più avendo come tema l’arte. Balich è ottimista: “Credo che l’arte si possa e si debba spettacolarizzare. Ovviamente con rispetto”.

Contattaci ora

Engel & Völkers Bologna
E-mail
indietro
Contattaci
Inserisci qui i tuoi dati di contatto
Grazie per il suo interesse. Sarà ricontattato al più presto.

Il team Engel & Völkers
Appellativo
  • Sig.
  • Sig.ra

Qui è possibile conoscere quali dati in dettaglio vengono memorizzati e chi vi ha accesso.​
Posso revocare i miei consensi per il futuro in qualsiasi momento.

Invia ora

CONOSCIAMO IL GIUSTO VALORE DEL SUO IMMOBILE

È al corrente del valore attuale della sua proprietà? Non importa se vuole solo conoscere il prezzo di mercato o se vuole vendere il suo immobile al miglior prezzo: i nostri esperti di marketing saranno lieti di assisterla con una valutazione gratuita.
Richieda una valutazione
indietro
Contattaci
Inserisci qui i tuoi dati di contatto
Grazie per il suo interesse. Sarà ricontattato al più presto.

Il team Engel & Völkers
Appellativo
  • Sig.
  • Sig.ra
Per favore inserisca le informazioni relative alla proprietà.

Qui è possibile conoscere quali dati in dettaglio vengono memorizzati e chi vi ha accesso.​
Posso revocare i miei consensi per il futuro in qualsiasi momento.

Invia ora

Ci segua sui Social Media



Array
(
    [EUNDV] => Array
        (
            [67d842e2b887a402186a2820b1713d693dd854a5_csrf_offer-form] => MTM5MjE5NzU3NkJ4d29xancwTDVhZWFIRzEycXAxcW9SdElHdVBqMTdV
            [67d842e2b887a402186a2820b1713d693dd854a5_csrf_contact-form] => MTM5MjE5NzU3NnlHcUR0Y2VlTXVPUndLMHZkMW9zMnRmRlgxaUcwaFVG
        )

)