Engel & Völkers Licenziatario Bolzano > Blog > Alla scoperta dell'Alto Adige: Bolzano e dintorni

Alla scoperta dell'Alto Adige: Bolzano e dintorni

Bolzano è una città conosciuta per la sua vivibilità, le sue attrazioni culturali, la sua ottima esposizione al sole e la sua attitudine cosmopolita.

Ciononostante, le bellezze di Bolzano non risiedono unicamente nei quartieri della città: i dintorni regalano castelli monumentali, panorami mozzafiato nonché rilassanti passeggiate ed escursioni in mountain bike. Bolzano, infatti, è ideale per gli sportivi, perché consente di raggiungere a piedi o in bicicletta località di collina e pura montagna, immerse in paradisi naturali ricchi di flora e fauna.

 Bolzano
- Talvera.jpeg

La passeggiata del Talvera

Per cominciare ad esplorare le vicinanze, ci si può incamminare da piazza Vittoria sulle sponde del torrente Talvera e godere di una tranquilla passeggiata di circa un’oretta (3,8 km), ideale per rilassarsi al tramonto circondati dal verde della vegetazione con lo scrosciare del torrente come unica melodia in sottofondo. La zona, soprattutto la sera, è popolata da corridori, ciclisti e sportivi di ogni tipo grazie alle numerose infrastrutture presenti (campi da basket, pallavolo, calcio, baseball) ma è anche apprezzata dagli amanti dell’aperitivo, da gustare nei bar e ristoranti presenti a bordo torrente.

Castelli

Proseguendo verso nord, si raggiunge una zona sorvegliata da imponenti castelli, che fanno da vedetta sulla città. Ciò non sorprende: l’Alto Adige è una delle province aventi il maggior numero di fortificazioni, con più di 800 castelli, e la maggior parte di questi si trovano nel capoluogo.

A destra del Talvera troviamo Castel Mareccio, residenza risalente al XIII sec., affrescata poi nel XV sec. seguendo modelli rinascimentali.
Alla destra, invece, domina la vista Castel Sant’Antonio, che si trova alla termine della passeggiata sul Lungotalvera, ed è la struttura in cui nacque la rinomata fabbrica di ceramica Thun. 

Trovandosi sopra un grande sperone sorveglia la città il Castel Roncolo, costruito nel 1237 e acquistato un secolo dopo da due figli di commercianti bolzanini, rinomati per aver ospitato il più ampio ciclo di affreschi profani di epoca medievale. Poco più a nord, all’imbocco della val Sarentino, vi è poi il Castel Novale, che, come pochissimi altri castelli europei, vanta il primato di non essere mai stato espugnato. 

Il comune di Bolzano ha istituito nel 2007 una fondazione con lo scopo di amministrare Castel Roncolo e Castel Mareccio. Essa è denominata Fondazione Castelli ed organizza annualmente mostre a Castel Roncolo, oltre a pubblicare una collana di scritti “storico-culturali”.

 Bolzano
- NOVALE2.jpeg

Le passeggiate intorno a Bolzano

Le passeggiate più caratteristiche che delineano i contorni di Bolzano sono due. La prima è la celebre Passeggiata di Sant’Osvaldo, risalente a circa un secolo fa, che collega l’entrata della val Sarentino con l’altrettanto rinomata zona vinicola di Santa Maddalena. Il percorso, sviluppandosi a serpentina sulle pendici del Monte Tondo nella parte settentrionale ed orientale della città, regala due ore e mezza di camminata incantevole tra tetti delle case, piante fiorite e vigneti.

La seconda, invece, è denominata Passeggiata del Guncina ed è stata inaugurata nel 1892. Essa si estende dal quartiere di Gries fino a San Genesio, raggiungendo Castel Guncina, e può essere completata in un’ora e mezza circa. L’affascinante vegetazione che la circonda è a tratti tropicale, con cactus, fichi e cedri.

Funivie

Solo a Bolzano si possono raggiungere altitudini superiori ai 1000 metri in pochissimi minuti di funivia partendo direttamente dalla città. 

Dall’ingresso della Val Sarentino una funivia porta fino a San Genesio, da cui si possono intraprendere gite a cavallo nonché affascinanti escursioni anche in mountain bike.

Inoltre, la funivia del Colle è stata la prima al mondo ad entrare in funzione per il trasporto di persone e risale al 1908. Essa trasporta viaggiatori da Piani di Bolzano a Colle, a quota 1108 metri. Infine, vi è la rinomata funivia del Renon, che parte ogni 4 minuti e conduce sull’altopiano di Soprabolzano, a oltre 1200 metri. Da qui è anche possibile usufruire della storica ferrovia a scartamento ridotto e raggiungere Collalbo.  

 Bolzano
- Kopie von Jenesien_HQ-40.jpg

Settore alberghiero

Bolzano viene apprezzata da turisti di tutto il mondo per lo sviluppato settore dell’ospitalità, che riesce ad unire tradizioni culinarie, radici storiche e cultura del benessere. Esemplificativi sono il Castel Flavon, risalente al XII secolo e costruito dai Signori von Haselberg, e il relativo ristorante, ideale per l’organizzazione di matrimoni e grandi eventi. Il menù offre pietanze tipiche della tradizione altoatesina talvolta rivisitati con tecniche ed ingredienti innovativi. Non mancano naturalmente i vini pregiati provenienti dal territorio regionale, come il Blauburgunder, il Lagrein e il St. Magdalener. Questo castello fa da guardia alla circoscrizione di Oltrisarco - Aslago, che si trova a sud rispetto al centro città.

Musei

Degna di nota è anche la fondazione Antonio Dalle Nogare, un museo di arte contemporanea che presenta prestigiose collezioni private e progetti espositivi di artisti concettuali oltre ad ospitare performance di teatro e danza. Inoltre, detiene una ricca biblioteca che contribuisce allo sviluppo di progetti educativi e di ricerca. Al suo interno, vi sono due rinomate installazioni degli artisti Dan Graham e Robert Barry, create appositamente per essere esposte in questa fondazione. 

Conclude questo tour il Messner Mountain Museum, situato tra le mura antiche di Castel Firmiano. Quest’ultimo è situato sulla destra dell’Adige, nella parte sudoccidentale della città, ed ha origini molto antiche: è stato menzionato per la prima volta nel 945 circa. 

Esso costituisce il cuore di un progetto museale di sei sedi e prende il nome da Reinhold Andreas Messner, alpinista originario di Funes principalmente noto per aver effettuato per la prima volta di sempre l’ascesa del Monte Everest senza ossigeno. 

Il museo si trova in una struttura moderna in vetro e acciaio tra torri, sale e cortili e racconta mediante opere e reperti naturali la storia dell’alpinismo, descrivendo allo stesso tempo il rapporto tra uomo, montagna e religione. La mostra attualmente esposta si chiama “Growing Mountains Masuyama” e presenta le opere di Hiroyuki Masuyama. Egli è un artista giapponese abile a comprendere e sfruttare il progresso tecnologico e a rappresentare in modo raffinato il rapporto tra spazio e tempo utilizzando poetica, intuito e pensiero.

 Bolzano
- unnamed.jpg

Vi consigliamo di proseguire la vostra esplorazione leggendo il prossimo articolo blog, disponibile a giorni sul nostro sito. Questa volta vi porteremo a Renon e Soprabolzano!

Lasciatevi incuriosire! L’estate è alle porte e Bolzano è tutta da scoprire.

Contattaci ora
Engel & Völkers
Licenziatario Bolzano
  • Piazza Walther 8
    39100 Bolzano
    Italia
  • Fax: +39 0471 05 45 09

LU - VE 9:00-13:00 14:00-18:00

CONOSCIAMO IL GIUSTO VALORE DEL SUO IMMOBILE

È al corrente del valore attuale della sua proprietà? Non importa se vuole solo conoscere il prezzo di mercato o se vuole vendere il suo immobile al miglior prezzo: i nostri esperti di marketing saranno lieti di assisterla con una valutazione gratuita.

Seguici sui Social Media