Engel & Völkers Licenziatario Brescia > Blog > Urban gardening: piante e ortaggi nel proprio giardino urbano

Urban gardening: piante e ortaggi nel proprio giardino urbano

La coltivazione di piante e ortaggi nel proprio giardino urbano, fenomeno noto come urban gardening, sta attraversando una fase di crescente popolarità. Sono sempre di più, infatti, quelli che scelgono di “produrre” in autonomia i propri alimenti. Seguire questo trend è piuttosto semplice, poiché non richiede particolare attrezzatura e si può implementare anche sul balcone o in terrazza, vale a dire lì dove c’è spazio a sufficienza. Per cominciare servono terreno e vasi, nella fattispecie letti rialzati, decisamente più flessibili da disporre sulla superficie. Completano la dotazione necessaria, pale di piccole dimensioni, annaffiatoi, tutori e guanti da giardinaggio. La primavera è la stagione ideale per i primi tentativi di coltivazione. A seconda della grandezza delle superfici coltivabili e del numero di piante, la gestione dell’orto può richiedere da pochi minuti a una mezz’ora al giorno. Meglio optare poi per una concimazione biologica, ottenuto con vari rimedi casalinghi.

 Brescia
- Un orto sul balcone, in terrazza o nel proprio giardino: l’urban gardening garantisce l’autosostentamento a chi vive in città.

Quali piante si adattano all’urban gardening?

Esplorate il mondo dell’urban gardening iniziando con piante erbacee e ortaggi a crescita rapida. Tra le piante aromatiche più gettonate ci sono basilico, prezzemolo, maggiorana, coriandolo, erba cipollina, come pure pepe, timo e salvia, che crescono rigogliosi anche nelle fioriere sui davanzali. Gli ortaggi consigliati sono invece pomodori, cetrioli, peperoni e peperoncini. Bietole e spinaci sono invece le verdure a foglia più semplici da piantare. Se avete a disposizione vasi più grandi, potete anche scegliere di coltivare carote, patate, melanzane e zucchine. Una varietà di frutta ideale per l’urban gardening è la fragola. In ogni caso, nella scelta delle specie, è bene anche prestare attenzione all’orientamento e all’irraggiamento dei vostri vasi.

Il giardino: un nuovo hobby

L’urban gardening era di tendenza già prima della pandemia Covid. Da tempo infatti, non è più possibile ignorare il dibattito sul cambiamento climatico, i cui effetti sono già visibili in molte aree del mondo. L’urban gardening è dunque un fenomeno collaterale e concomitante, legato al crescente interesse verso l’ambiente come pure al desiderio di abbracciare uno stile di vita più sostenibile. Praticare il giardinaggio in città promuove di fatto il consumo di prodotti locali e riduce le rotte di trasporto: non c’è tragitto più breve che dal vostro vaso direttamente in tavola. Soprattutto nelle metropoli più densamente popolate inoltre, i giardini migliorano il microclima e offrono a molte specie animali un habitat ideale, o quantomeno un luogo dove rifugiarsi.

Quali prodotti scegliere per una produzione alimentare locale?

Il giardinaggio urbano prevede innanzitutto ortaggi. In rapporto alla superficie, la resa è qui relativamente abbondante e il raccolto molto più veloce, diversamente ad esempio dagli alberi da frutto. Chi possiede un giardino urbano o domestico, anche di piccole dimensioni, all’interno di una città particolarmente popolosa, ha di fatto a disposizione una superficie di dimensioni non trascurabili, che consente così di provvedere in modo sufficiente all’autosostentamento. In più, l’urban gardening è praticabile anche sul balcone, in terrazza e persino sui davanzali delle finestre. Tuttavia, le specie non si limitano soltanto a ortaggi ed erbe aromatiche. Alcuni amanti del giardinaggio e fortunati possessori di un giardino urbano stanno infatti anche provando l’allevamento dei polli, per sfruttare al meglio il potenziale del proprio giardino.

Effetti sulla cultura del giardinaggio

La pandemia Covid non risparmierà probabilmente neppure l’urban gardening, nonostante la crisi sia ora sotto controllo. Il giardinaggio urbano si inserisce nel trend esistente del consumo locale e regionale. La domanda di superfici disponibili in città dovrebbe dunque crescere. Numerosi centri urbani hanno infatti riconosciuto a pieno titolo il potenziale di questa tendenza, che sarà dunque presa in adeguata considerazione anche nella pianificazione urbanistica. La pandemia potrebbe così persino avere effetti positivi e duraturi per l’urban gardening, in particolare sotto il profilo di tutela del clima, di un’alimentazione sana e della promozione del consumo locale.

Contattaci ora
Engel & Völkers
Licenziatario Brescia
  • Via Crocifissa di Rosa, 90
    25128 Brescia
    Italia P.IVA 02043790985
  • Fax: +39 030 200 82 26

CONOSCIAMO IL GIUSTO VALORE DEL SUO IMMOBILE

È al corrente del valore attuale della sua proprietà? Non importa se vuole solo conoscere il prezzo di mercato o se vuole vendere il suo immobile al miglior prezzo: i nostri esperti di marketing saranno lieti di assisterla con una valutazione gratuita.

Ci segua sui Social Media