Engel & Völkers Licenziatario Brunico > Blog > Danni provocati dall’acqua: e ora? I consigli di Engel & Völkers

Danni provocati dall’acqua: e ora? I consigli di Engel & Völkers

Fastidiosi e decisamente bagnati: stiamo parlando dei danni provocati dall’acqua. Se presi in tempo, si possono gestire con relativa facilità. Ma più tempo passa, più drammatiche saranno le conseguenze per il proprietario o l’inquilino: l’intera struttura corre infatti rischi molto seri. Se il danno poi si verifica in presenza di temperature più fredde, il gelo può decisamente complicare la situazione. Nella peggiore delle ipotesi, l’acqua può persino far saltare le murature. Per non parlare dei costi, con bollette ancora più salate in caso di dispersione idrica in grandi quantità. Scoprite come agire, quali sono le misure di primo intervento e chi deve sostenere i costi del danno.

 Brunico
- Danni provocati dall’acqua: fastidiosi e car. Chi paga le spese e quali sono i primi interventi da fare? Engel und Völkers vi spiega tutto nei dettagli!

La goccia scava la pietra

Già soltanto piccole quantità d’acqua possono provocare danni ingenti. Se il danno infatti si verifica in una tubatura, c’è un elevato rischio di umidità nelle pareti e di indebolimento dei pavimenti. Una fuoriuscita improvvisa e in grandi quantità vi pone paradossalmente in una situazione migliore, perché vi consente di rilevare subito il problema. Se la cantina o il corridoio sono praticamente già allagati, dovete intervenire con urgenza. Chiudere le condutture a monte eviterà che il danno si estenda anche ad altri punti della casa. Se il danno invece si verifica in un condominio con l’acqua gocciola dal soffitto, sistemate prontamente un secchio in corrispondenza della perdita, prima di informare chi di competenza.

Chi chiamare?

Come per tutte le emergenze e i guasti, i danni provocati dall’acqua hanno un servizio di assistenza dedicato, attivo anche nel weekend. Se questa prestazione non è inclusa nella vostra copertura assicurativa, è molto probabile che dobbiate accollarvi i costi. Prima di stipulare una polizza dunque, verificate con attenzione le prestazioni previste. E a proposito di assicurazione: per valutare l’entità del danno, è necessario l’intervento di un perito esperto. Quest’ultimo potrà operare con maggior precisione quando le conseguenze sono ancora visibili e non certo dopo che il servizio di emergenza avrà già risolto il problema. Potete comunque intervenire con qualsiasi misura che serva a ridurre al minimo l’entità del danno. Altro aspetto importante: scattate foto dei danni e mostratele al perito, che altrimenti non sarà in grado di effettuare una valutazione accurata.

Procedere con le riparazioni

Una volta che il perito avrà valutato il danno, affidatevi, direttamente o tramite la vostra assicurazione, a un’azienda di riparazioni. Raramente sarà sufficiente rimettere a nuovo la tubatura danneggiata. Se infatti sono stati intaccati anche l’impianto di riscaldamento o l’intonaco, avrete bisogno di un numero decisamente maggiore di maestranze. Rispetto a un incidente automobilistico tuttavia, un danno provocato dall’acqua e riparato da un professionista non avrà in concreto alcun effetto sul prezzo immobiliare.

Operazioni di asciugatura

In estate, con una buona areazione, le stanze si asciugano più velocemente. In inverno invece, può essere utile un ventilatore. Un perito esperto valuterà in questo modo quali interventi eseguire per ottenere un risultato ottimale. Non badate a spese! L’umidità nelle pareti provoca infatti la formazione di muffa, con tutte le conseguenze negative per la salute che conosciamo. Tuttavia, le attività di asciugatura spesso non hanno alcun effetto sugli oggetti stipati in cantina: i mobili di legno ormai gonfiato o imbottiture zuppe d’acqua non torneranno mai più come prima, neppure dopo essere state accuratamente asciugate. Anche se fa male perciò, vi consigliamo di separarvi definitivamente da questi oggetti.

Ridurre i rischi

Un danno provocato dall’acqua è estremamente spiacevole soprattutto in un immobile non abitato. Spesso infatti, viene identificato quando ormai è troppo tardi. Se volete vendere il vostro immobile perciò, riducete al minimo tutti i rischi, chiudendo l’acqua e disattivando l’impianto di riscaldamento. Fino a quando le temperature esterne non scendono sotto lo zero, l’edificio non corre rischio di danni. Lasciando tubature e riscaldamento chiusi, eviterete il pericolo di ghiaccio e gelo, che potrebbero far saltare i termosifoni.

Riassumendo:

Intervenite non appena notate il danno. Una buona assicurazione coprirà i costi delle misure di risanamento immediate. Alcune compagnie incaricano anche aziende esterne per le riparazioni. Sono invece sconsigliate le compagnie assicurative che non prevedono una copertura dei costi in caso di interventi di emergenza.

Contattaci ora
Engel & Völkers
Licenziatario Brunico
  • Piazza Cappuccini, 9
    39031 Brunico
    Italia | Part.IVA IT02841890219

I nostri orari d‘apertura:

Lunedi - venerdì 08.00 - 12.30 14.00 - 17.30 Sabato su richiesta

Siamo a Sua disposizione: Tel. +39 0474 77 29 11 - E-mail: Brunico@engelvoelkers.com

CONOSCIAMO IL GIUSTO VALORE DEL SUO IMMOBILE

È al corrente del valore attuale della sua proprietà? Non importa se vuole solo conoscere il prezzo di mercato o se vuole vendere il suo immobile al miglior prezzo: i nostri esperti di marketing saranno lieti di assisterla con una valutazione gratuita.

Seguici sui Social Media