Questo sito utilizza i cookie. Continuando ad utilizzare il sito, Lei acconsente all'utilizzo dei cookie.
X

Comprare e vendere casa a Flaminio Ponte Milvio

Il Flaminio è tra i primi quartieri a svilupparsi agli inizi del xx secolo, proprio a ridosso del centro storico. Fino alla fine dell'Ottocento, la vasta area che va da Piazzale Flaminio a Ponte Milvio era ancora campagna, un susseguirsi di campi, con qualche osteria sparsa qua e là, meta ideale delle domenicali "gite fuori porta".
La zona era però destinata ad una rapida trasformazione.

Roma - Ponte Milvio

Storia e composizione del quartiere

Nel 1904 viene inaugurata la prima via tranviaria a traino animale. Al 1905 risale la costruzione dello Stadio Nazionale, divenuto poi Stadio Fascista, successivamente Stadio Torino. Demolito e riprogettato dall'architetto A. Nervi per i giochi olimpici del '60  prenderà l'attuale denominazione di Stadio Flaminio.

Ma di fondamentale importanza è il piano regolatore del 1909, che prevede la nascita di un nuovo quartiere, secondo un progetto unitario, particolarmente attento ad uno sviluppo di tipo residenziale.
Del 1911 l'inizio dell'esperimento della costruzione di villini a schiera della "Piccola Londra"; del  1913 l' inizio dei lavori della chiesa di Santa Croce, cuore spirituale del quartiere; a seguire in pieno periodo bellico (1916) l'avvio del complesso popolare di Villa Riccio, che  con le sue case-giardino rappresenta un modo del tutto  nuovo modo di concepire il contesto abitativo.
Il periodo fascista lascia la sua impronta "monumentale"con il Foro Mussolini, lo Stadio dei Marmi. Nell'edilizia privata il regime concede  agli architetti maggiore libertà, che se a volte sfocia nell'eclettismo, in altri casi utilizza il linguaggio del nascente Razionalismo, ben visibile in alcuni edifici del Lungotevere, pur se associato sempre, ad una certa "grandiosità"
La ricerca stilistica in senso funzionale e razionalistico riprenderà negli  anni '60, proprio con Villaggio Olimpico. Il progetto fatto in economia, prevedeva la realizzazione di abitazioni destinate ad accogliere gli atleti per le  Olimpiadi del 1960. In questo caso viene utilizzato uno stile architettonico completamente rinnovato, tanto da apparire "moderno" ancora oggi. Collaborano architetti importanti: V. Cafiero, A. Libera, A. Luccichetti, V. Monaco, L. Moretti. La zona, che nel corso del tempo si era fortemente degradata, di recente è stata totalmente riqualificata , sotto la spinta di una serie di importanti progetti. l'Auditorium, il Maxxi, il Ponte della Musica........, che hanno dato al quartiere una nuova connotazione culturale, fornendolo, nello stesso nuovi spazi di aggregazione sociale.


Dal lontano 1909 il Flaminio non ha mai esaurito la spinta urbanistica, rinnovandosi  di continuo, con la progettazione di grandi opere architettoniche, ma restando assolutamente fedele alla sua anima originaria. Il quartiere, pur essendo centralissimo, praticamente attaccato alla porta michelangiolesca di Piazza del Popolo, è agevolmente collegato alle vie di uscita dalla città. Caratterizzato indubbiamente , da una certa "storicità", risulta essere una zona assolutamente verde, animata da numerose scuole e dai più prestigiosi circoli sportivi della Capitale. Questi sorti praticamente, insieme ad esso, consentono da sempre, di vivere il fiume, secondo il più tradizionale stile di vita romano. 

Antichi mercati, vecchie botteghe, nuovi negozi, movimentano le strade larghe, pianeggianti e alberate. Si può inoltre scegliere, c'è il Flaminio di Borghetto, della Piccolla Londra, di Villa Riccio, di via Donatello, viale Tiziano.. ovunque si avvertirà  quel senso di appartenenza al quartiere, che è il suo vero punto di forza.

Roma - Ponte Milvio

Numero abitanti 

Il quartiere si estende su una superficie di 1,38  km² e conta circa 13 mila abitanti per una densità importante che sfiora le 10 mila unità per chilometro quadrato.


Connessioni e mezzi pubblici

La zona è ottimamente collegata grazie alla Metro A (fermata Flaminio). Ci sono anche tram e autobus che collegano perfettamente la zona al centro di Roma, raggiungibile comunque anche a piedi in 15 minuti.


Prezzi di mercato al metro quadro

Gli immobili in zona Flaminio hanno mantenuto valori importanti proprio grazie al fatto che il Flaminio sia diventato un polo culturale di riferimento per tutta la città.
I prezzi al metro quadro vanno dai 5mila euro per un immobile da ristrutturare ai 7mila per gli immobili ristrutturati o con particolari peculiarità quali posizione o vista panoramica.

Vuoi vendere, comprare o affittare casa in zona Flaminio Ponte Milvio? Contattaci per scoprire i nostri servizi. Prendi appuntamento per una valutazione immobile o per visionare il nostro portfolio.

CONTATTI

Michele D'Iasio
email: michele.diasio@engelvoelkers.com
telefono: +39 340 340 14 51

Contatto licenziatario

Roma

Corso Vittorio Emanuele II, 282-284 | 00186 Roma
Italy | P.IVA e CF 13030901006 | R.E.A.n.1418717

Roma

Corso Vittorio Emanuele II, 282-284 | 00186 Roma
Italy | P.IVA e CF 13030901006 | R.E.A.n.1418717
Tel.
+39 06 45548120

Array
(
    [EUNDV] => Array
        (
            [67d842e2b887a402186a2820b1713d693dd854a5_csrf_offer-form] => MTM5MjE5NzU3NkJ4d29xancwTDVhZWFIRzEycXAxcW9SdElHdVBqMTdV
            [67d842e2b887a402186a2820b1713d693dd854a5_csrf_contact-form] => MTM5MjE5NzU3NnlHcUR0Y2VlTXVPUndLMHZkMW9zMnRmRlgxaUcwaFVG
        )

)