Innovazione, il 50% delle imprese locali investe nel comparto

Nel 2015 sono state presentate 217 domande di contributo Finanziamento di 8,1 milioni di euro per quelle approvatedi Maurizio Dallago


BOLZANO. L’Alto Adige non è al top per spesa in ricerca e sviluppo rispetto ad altre aree d’Italia. Ma qualcosa si muove anche in provincia di Bolzano, come dimostrano i dati resi pubblici ieri dalla Provincia. Della Consulta scientifica provinciale per la ricerca e l'innovazione fanno parte parti sociali e istituzioni impegnate nella promozione del settore, che assieme al presidente Arno Kompatscher hanno delineato il programma 2016 nelle aree di specializzazione identificate per l'Alto Adige: energia e ambiente, tecnologie agroalimentari, tecnologie alpine, trattamenti di cura naturali e tecnologie medicali. Il direttore della Ripartizione provinciale innovazione, Maurizio Bergamini, ha ricordato che negli ultimi anni il 50% delle imprese altoatesine si è impegnato nel settore dell'innovazione e il 30% ha saputo avviare con successo un processo o un progetto innovativo. Nel 2015 le domande presentate da singole imprese sono state 217, circa 60 in più rispetto al 2014: 162 quelle approvate, con un finanziamento di 8,1 milioni di euro.

Il prossimo 26 febbraio scade il bando di concorso per progetti di ricerca applicata, seguiranno i bandi relativi a progetti di cooperazione per ricerca e innovazione. Analizzando grado e fattori di successo dei progetti di cooperazione, è stato osservato che le difficoltà principali sorgono quando manca un management organico e quindi la collaborazione tra i partner.

Per superare tale problematica, nei prossimi bandi sarà richiesta la presenza di un project manager che accompagni l'attuazione del progetto. Secondo il programma concordato dalla Consulta, anche nel 2016 ci sarà un bando aperto per assunzione o messa a disposizione di personale altamente qualificato, con uno stanziamento pubblico è di 2,2 milioni di euro per sostenere fino al 50% del costo del personale.

Sul piano del monitoraggio delle attività incentivate, il direttore del dipartimento economia e innovazione Andrea Zeppa ha sottolineato la necessità di misurare e interpretare gli indicatori legati al raggiungimento degli obiettivi.

Assieme alle parti coinvolte saranno organizzati incontri periodici per fare il punto sull'avanzamento dei progetti e sarà definito un sistema di monitoraggio e controllo dei risultati raggiunti. Questa, ha ricordato Zeppa, è anche una delle condizioni poste dalla Commissione Ue per poter continuare a beneficiare delle sovvenzioni del

programma Fesr che finanzia gli investimenti a favore di crescita e occupazione. Infine è stato ribadito che la cornice ideale per favorire il processo di crescita della ricerca sul territorio è il Parco tecnologico a Bolzano sud, dove nel 2017 si insedieranno laboratori e strutture di ricerca.


source: altoadige.gelocal.it
Bolzano - altoadige.jpg

Engel & Völkers

Alto Adige + Cortina Commercial
Via Luigi Galvani 31
39100 Bolzano
Italia | P.Iva 02841890219
Tel.
+39 0471 05 45 10

Vai allo shop


Offri una proprietà

 
Sì, desidero far valutare il mio immobile gratuitamente e senza impegno da Engel & Völkers.

Array
(
    [EUNDV] => Array
        (
            [67d842e2b887a402186a2820b1713d693dd854a5_csrf_offer-form] => MTM5MjE5NzU3NkJ4d29xancwTDVhZWFIRzEycXAxcW9SdElHdVBqMTdV
            [67d842e2b887a402186a2820b1713d693dd854a5_csrf_contact-form] => MTM5MjE5NzU3NnlHcUR0Y2VlTXVPUndLMHZkMW9zMnRmRlgxaUcwaFVG
        )

)