Engel & Völkers Licenziatario Trento > Blog > Auguri per la festa delle donne: le parole di 5 grandi architette

Auguri per la festa delle donne: le parole di 5 grandi architette

Il motto della Giornata internazionale della donna per il 2019 è #BalanceforBetter, ed è per questo che oggi celebriamo le grandi donne dell’architettura. Ecco cinque formidabili professioniste note per le loro opere pionieristiche. Le loro parole sono eccellenti auguri per la festa delle donne, oltre che un’inestimabile fonte di ispirazione.

 Trento
- Griffin, Gray, Bo Bardi, Hadid e Sejima: i nostri auguri per la festa delle donne nelle parole di grandi donne dell’architettura.

Marion Mahony Griffin (1871–1961)

Marion Mahony Griffin è nota soprattutto per la sua collaborazione con Frank Lloyd Wright, con cui ha fondato la American Prairie School of Architecture. Secondo alcuni, la Griffin fu in realtà la reale promotrice e forza propulsiva dietro la nascita della celebre scuola, pur senza mai essersene presa direttamente il merito. Negli ultimi anni, contribuì a diffondere le idee della scuola in India e Australia, fresche di indipendenza.

La sua eredità è rappresentata, oltre che dai suoi edifici, anche dai suoi straordinari disegni. Una delle sue citazioni più famose è contenuta nelle sue memorie “Magic of America”: “Ciò che Dio ci ha donato, abbiamo l’obbligo di condividerlo con l’umanità, con il mondo”.

Eileen Gray (1878–1976)

Di origini irlandesi, Eileen Gray fu attiva tanto nell’interior design, quanto nell’architettura ed è a buon diritto considerata una delle pioniere di Modernismo e Art Deco. Secondo la sua filosofia: “Una casa non è una macchina da abitare. È il guscio di un uomo, la sua estensione, la sua liberazione, la sua emanazione spirituale”.

Eileen Gray è nota per aver riprogettato nel 1917 l’appartamento parigino dell’esponente dell’alta società Juliette Lévy, con esiti che richiamano spiccatamente l’Art Deco. Nel 1926, dopo aver appreso da autodidatta i fondamenti dell’architettura, progetta e realizza la dimora modernista E-1027 che tanta ammirazione suscitò in Le Corbusier.

Lina Bo Bardi (1914–1992)

L’italiana Lina Bo Bardi è celebrata non soltanto nell’architettura, ma anche nel mondo dell’arte, del design di arredi, della gioielleria e della scenografia. Nel 1946 si trasferisce in Brasile dove la sua opera, ispirata dalle tradizioni e dalla cultura della sua ormai patria di adozione, si caratterizza per una commistione di modernismo e sensibilità locale.

Membro della Resistenza italiana e grande attivista politica, era profondamente consapevole delle implicazioni sociali e politiche del suo lavoro. Diceva: “L’architettura e la libertà architettonica sono per prima cosa una questione sociale, che va considerata non all’esterno ma all’interno di una struttura politica”.

Zaha Hadid (1950–2016)

Oggi, Zaha Hadid è una delle figure di spicco dell’architettura d’avanguardia. Le sue strutture dinamiche sono diverse e variegate: dal flusso continuo di linee dell’Aquatic Centre di Londra, fino al groviglio di prismi dell’Opera House di Guangzhou.

Zaha Hadid è nota anche per essere riuscita a farsi strada in un mondo dominato da uomini. Gli auguri per la festa delle donne non possono non includere le sue parole. Ecco una delle sue citazioni più celebri: “Era opinione diffusa che le donne mancassero di logica. Non è assolutamente vero. Non conosco l’ego di un uomo né la sua mentalità, ma in termini di capacità, non c’è alcuna differenza”.

Kazuyo Sejima (1956–)

Kazuyo Sejima è il simbolo dell’architettura giapponese. Il suo successo è particolarmente degno di nota soprattutto considerando una professione e un Paese che hanno non pochi problemi in termini di uguaglianza di genere.

L’opera della Sejima prevede l’impiego massiccio di vetro e di open space pubblici, in una sapiente unione tra sguardo del visitatore e mondo esterno. Il suo approccio all’aspetto collettivo dell’architettura si riassume in queste parole: “Sogno un’architettura che possa dare un contributo alla società contemporanea. L’architettura è il modo in cui le persone si incontrano nello spazio”.

Contattaci ora
Engel & Völkers
Licenziatario Trento
  • Via Carlo Antonio Pilati, 11
    38122 Trento
    Italia - P.IVA: 02460170224

Orario di apertura

09.30-12.30

14.30-18.00

CONOSCIAMO IL GIUSTO VALORE DEL SUO IMMOBILE

È al corrente del valore attuale della sua proprietà? Non importa se vuole solo conoscere il prezzo di mercato o se vuole vendere il suo immobile al miglior prezzo: i nostri esperti di marketing saranno lieti di assisterla con una valutazione gratuita.

Ci segua sui Social Media