Una proprietà a Gstaad

GstaadSe c’è una stazione sciistica esclusiva, glamour e divertente allo stesso tempo, è senza dubbio Gstaad. La spettacolare località svizzera sull’altopiano bernese è diventata una delle mete turistiche più popolari, grazie anche alle numerosissime personalità che l’hanno visitata nel corso degli anni, da F. Scott Fitzgerald negli anni ’20, a Elizabeth Taylor negli anni ’60, fino a Madonna e Valentino oggi.

Non è difficile capire perché molte star siano cadute vittima dell’incantesimo di Gstaad – il villaggio senza tempo ha sempre strenuamente difeso la sua identità contro il progresso e l’eccessiva modernizzazione. Gli edifici del paese sono ancora tradizionali chalet alpini in legno, nessuna traccia di quegli edifici-trappola in vetro e cemento dell’era moderna. Mentre altri resort montani hanno perso le loro radici agricole, Gstaad si aggrappa ancora fortemente alla sua storia. Nelle aree limitrofe, pascolano ancora circa sette mila mucche che garantiscono il benessere dei contadini della regione, oltre a completare il pittoresco panorama.

Gstaad divenne per la prima volta popolare, come meta turistica invernale per gli aristocratici europei, prima della Prima Guerra Mondiale, quando il diffondersi dell’entusiasmo per quel nuovo sport che era lo sci trasformò il villaggio addormentato in “the place”, il luogo per eccellenza, un soprannome che fu affibbiato alla cittadina negli anni sessanta. La località ospita oggi 220 km di piste che si estendono lungo cinque valli e sono perfette per gli sciatori appassionati di tutte le discipline. Tuttavia, anche in bassa stagione, Gstaad è egualmente affascinante, c’è una nutrita popolazione, infatti, che vive qui tutto l’anno. Nei mesi più caldi, il villaggio diventa meta popolare per gli amanti delle escursioni, del ciclismo e dell’arrampicata, grazie all’idillico panorama che, quando la neve si scioglie, si rivela ancora più incantevole.

Gstaad è molto popolare tra gli investitori internazionali, soprattutto quelli con famiglia al seguito, grazie alle scuole internazionali di altissima qualità e all’atmosfera tranquilla. A differenza di St. Moritz e Verbier, Gstaad non offre moltissime attività post-sci, ma s’impegna, al contrario, a preservare il fascino di piccolo centro selezionato. Basta dare una breve occhiata al mercato immobiliare del luogo per convincersi quanto questa scelta fatta dalle autorità locali, sia decisamente saggia.

I prezzi degli immobili a Gstaad sono ora a livello delle proprietà situate al centro di Londra, New York e Tokyo, per il semplice motivo che la domanda è di gran lunga superiore all’offerta. Ci sono leggi urbanistiche molto severe imposte al villaggio, gli agricoltori locali vendono la terra malvolentieri e gli interventi di sviluppo sono estremamente limitati. E’ forse per questi motivi che negli ultimi anni è aumentato l’interesse per città limitrofe come Gruben, Rougemont e Chateau d’Oex. Questi villaggi che accolgono buyer ormai stanchi delle difficoltà d’investimento a Gstaad, offrono un’allettante combinazione di prezzi ridotti e ampio spazio, permettendo di effettuare transazioni con la medesima discrezione che attrae nella regione l’elite internazionale, oramai da molti decenni.

Anche questi villaggi, tuttavia, sono ancora soggetti a una curiosa legge svizzera, secondo la quale stranieri, single o in coppia, non possono acquistare una proprietà che misuri più di 200 m.2. Gli immobili più grandi vengono comunemente suddivisi in appartamenti tecnicamente autosufficienti, facilitando la proprietà “condivisa” tra un gruppo di amici o una famiglia. Se vi interessa investire in questa regione così popolare, Engel & Völkers  può fornirvi assistenza completa: vi aiuterà a barcamenarvi nel sistema giuridico svizzero e a trovare la proprietà più adatta a voi. Con una sede nel cuore di Gstaad e un team di agenti cordiali ed esperti, potrete godere di un supporto professionale in ogni fase del vostro acquisto.


Array
(
)