Viaggiare di martedì: St. Moritz

St. MoritzLa stagione sciistica è oramai alle porte. Vale dunque la pena dare un’occhiata a una delle mete invernali più popolari: St. Moritz. I meravigliosi panorami dell’Engadina, una valle in prossimità della pista più alta delle Alpi orientali assieme alla ragionevole certezza di avere una neve di buona qualità, fanno di St. Moritz una delle location più popolari nel jet set, da un secolo a questa parte. La località ha ospitato le Olimpiadi invernali del 1928 e del 1948, mentre la maratona sciistica Engadina, conta ogni anno circa 11.000 iscritti.

E’ dunque abbastanza logico che lo sci sia l’attività prediletta di chi viene a St. Moritz. La regione si divide qui in quattro settori, con 57 skilift che conducono alle piste. Gli sciatori di livello medio possono scegliere tra vari percorsi su ciascun lato della città, nell’area di Corvatsch – lungo la valle, e Corviglia, che si staglia sulla parte superiore del villaggio. Inoltre, è possibile organizzare innumerevoli escursioni giornaliere in aree limitrofe come Diavolezza e Davos.

Se decidete di trascorrere la stagione invernale in questa parte della Svizzera, vi converrà svegliarvi presto e raggiungere le piste della Corviglia intorno alle 8, in modo da poter godere della prima discesa della giornata, nota come “white carpet”, per il suo aspetto immacolato. Le piste sono normalmente deserte a quest’ora del mattino; avrete così la possibilità di percorrerle nella più completa solitudine, circondati solo dai pacifici panorami circostanti. Gli sciatori più abili possono poi partecipare alla discesa della Coppa del Mondo, che inizia a 3057 m. di altitudine sul livello del mare, a Piz Nair.

Potrete trascorrere un interessante pomeriggio guardando le corse di toboga, sulla celebre Cresta Run: completata nel 1885; la discesa da toboga, lunga 1214 m., ospita gare e sessioni di allenamento ogni giorno, dalla fine di Dicembre fino a Marzo. Gli amanti del brivido possono provare ad affrontare i 10, difficilissimi, angoli della pista, nel più breve tempo possibile. La partenza è fissata sotto la torre pendente di una chiesa del XII sec. uno dei simboli di St. Moritz.

Dopo aver lasciato le piste, potrete riscaldarvi con la tipica fondue svizzera. Sono numerosissimi i ristoranti montani che offrono questa specialità, ma le decorazioni rustiche di Chesa Veglia, con i ceppi di legno che ardono nel camino, aggiungono un tocco di calore alla già eccellente cucina.

Se volete prendervi una pausa dallo sci, ci sono ancora moltissime cose da fare. Potrete passeggiare tra i laghi pittoreschi sotto il sole invernale o entrare nelle raffinate boutique di Via Serlas, la via dello shopping a St. Moritz. Tutti i più grandi nomi della moda si trovano qui: Louis Vuitton, Chanel, Gucci e Rolex offrono abiti e accessori per sciare e non solo.

Grazie alla costante popolarità di questa zona, uno chalet a St. Moritz sarà sicuramente un fantastico investimento per il vostro portfolio di proprietà. La città è baciata dal sole 322 giorni l’anno e ospita eventi regionali avvincenti come la gara di equitazione sul lago ghiacciato oltre, ovviamente, ai campionati di sci. Circa il 38% della popolazione è composta da stranieri naturalizzati, perciò c’è un’ampia comunità pronta a supportare i buyer internazionali. Se state pensando di realizzare un investimento immobiliare a St. Moritz Engel & Völkers può fornivi l’assistenza necessaria in ogni fase del processo: visitate il nostro sito per saperne di più.

Pubblicato in Properties.


Array
(
)