L’Epifania in Spagna

L’Epifania in SpagnaIl Natale è ormai solo un lontano ricordo e milioni di bambini in tutto il mondo sono di certo già alle prese con i loro nuovi giocattoli, provvedendo così a depennare i doni ricevuti dalla loro letterina. E tuttavia, grazie anche alle innumerevoli tradizioni diffuse in vari Paesi, ci sono bambini che hanno dovuto attendere molto più a lungo prima di sapere se i loro desideri fossero stati realizzati. Mentre la maggior parte dei Paesi europei accoglie l’arrivo di Babbo Natale il 25 Dicembre, in altri, come la Spagna ad esempio, i regali giungono con Los Tres Reyes Magos, il 5 Gennaio, vigilia dell’Epifania.

I bambini spagnoli ricevono comunque alcuni doni il giorno di Natale, ma la maggior parte dei regali sono riservati al el Día de Los Reyes. A S. Stefano i bambini scrivono lettere ai Re Magi descrivendo i giocattoli e i regali che desiderano. La sera del 5 Gennaio i bambini lasciano un bicchiere di cognac per ciascuno dei tre Re Magi, assieme a cibo e acqua per i loro cammelli, prima di andare a dormire presto e con la speranza di trovare i loro regali il giorno dopo, dentro o sotto una scarpa strategicamente posizionata. E’ ovviamente importante essere “buoni” durante l’anno, perché i bambini “cattivi” rischiano di trovare un mucchio di carbone nella loro scarpa! Sebbene nel Regno Unito e in America la minaccia di ricevere carbone non abbia poi così grande effetto, non è insolito per i Re Magi lasciare un pezzo di zucchero colorato di nero, per rimproverare, seppur con gentilezza, i bambini che non si sono comportati bene.

Per permettere ai bimbi di assistere all’arrivo dei Re Magi, le città, i paesi e i villaggi di tutta la Spagna organizzano le cosiddette cavalcades alla vigilia dell’Epifania. Spesso, ogni Re Magio arriva su suo carro, mentre i loro paggetti distribuiscono dolci ai bambini presenti, alcuni dei quali aspettano questo giorno per consegnare di persona le loro letterine, altri invece si rivolgono al più moderno ufficio postale, per far recapitare le loro richieste quanto prima. La città di Alcoy attrae moltissimi turisti ogni anno, per quella che si pensa sia la cavalcata più lunga del mondo risalente addirittura a più di un secolo fa. Durante la giornata, molti paesini mettono in scena la rappresentazione biblica dell’arrivo dei Re Magi a Betlemme, dopo la nascita di Gesù.

Il giorno dell’Epifania, le famiglie spagnole si riuniscono per scartare i regali e mangiare un roscón, morbido pane dolce di forma circolare che contiene sia una piccola immagine di Gesù Bambino sia una fava secca. Chi trova l’immagine di Gesù viene incoronato “re” o “regina” e avrà fortuna durante l’anno, mentre alla persona che trova la fava toccherà acquistare la torta per l’anno successivo. Poiché questa festività si celebra il “dodicesimo giorno” di Natale, la torta rappresenta purtroppo anche la fine ufficiale delle feste.

Se state pensando di trascorrere le vacanze natalizie in Spagna, considerate anche la possibilità di investire in una proprietà – o da dare in affitto o da utilizzare come casa vacanze. Per tutti gli “espatriati” del mondo, la Spagna è un’ottima scelta sia per la sua ricca cultura sia per il suo celebre clima mite. Grazie alla sua grande esperienza, Engel & Völkers potrà assistere i buyer internazionali nella ricerca delle proprietà perfetta. Per maggiori informazioni visitate il nostro sito ufficiale.

Pubblicato in Properties.


Array
(
)