Travel Tuesday: la festa San Martino a Budapest

Travel Tuesday: la festa San Martino a BudapestA Budapest, l’inverno porta con sé non solo il freddo pungente ma anche una delle festività più importanti del calendario. Durante la celebrazione di San Martino, o Márton nap, l’11 Novembre, la popolazione rende onore alla ricca tradizione culinaria, degustando vino novello e piatti a base di carne d’oca. Teatro della festa è quella combinazione tra edifici rinascimentali e di tradizione ottomana, che rendono la città un approdo perfetto per gli amanti dell’architettura raffinata e della buona tavola.

La storia della festa di San Martino

Nato in Ungheria nel IV secolo, San Martino era originariamente un soldato romano convertitosi al cristianesimo e diventato missionario. Secondo la leggenda, quando fu nominato dal vescovo di Tours, San Martino reagì nascondendosi in una fattoria piena di oche. E di questo animale, oggi, San Martino è il patrono, ma è anche il protettore dei viticoltori e dei vignaioli, che rivestono un ruolo fondamentale durante le celebrazioni.

Storicamente, questo era il periodo in cui le oche nate in primavera venivano condotte al macello, ma anche il giorno in cui i servitori ricevevano la loro paga annuale, che veniva celebrata con un pranzo sontuoso. In questa occasione si assaggiavano i vini, frutto della prima vendemmia. Tutti questi eventi sono in seguito culminati nella festività di San Martino, che oggi, si caratterizza piuttosto per grandi ritrovi in famiglia.

Vino e ottima cucina a Budapest

Molti ungheresi celebrano la festività in uno dei famosi ristoranti di Budapest, che creano menu appositi per tutto il mese di Novembre. I piatti tradizionali a base di oca includono oca arrosto con cavolo rosso bollito, fegato d’oca arrosto in salsa ai mirtilli e zampa d’oca ripiena di fegato e datteri. I pasti si accompagnano alla degustazione di vini locali. Borbíróság, uno dei più noti ristoranti moderni, possiede una selezione di oltre 80 pregiati vini ungheresi da assaporare in combinazione con i piatti del menu festivo. Anche la locanda Borkonyha prepara piatti tradizionali, da gustare con una delle oltre 200 specialità vinicole della sua cantina.

Come il giorno del Beaujolais Nouveau in Francia, gli ungheresi hanno in questa occasione l’opportunità di degustare il vino novello e, proprio in preparazione della festa, Budapest organizza l’annuale festival del vino all’interno della storica cornice dell’Hotel Gellért. Quasi 100 cantine ungheresi sono invitate a presentare i propri prodotti nel corso dei vari giorni e il festival si conclude con il celebre brunch di San Martino.

San Martino e oltre

L’autunno freddo e terso, tipico del mese di Novembre a Budapest, cede presto il passo a un rigido inverno, perciò, una volta terminate le celebrazioni per San Martino, non lasciatevi scappare l’opportunità di visitare le bellezze di Budapest, celebre, tra l’altro anche per le sue fonti termali. La città, infatti, ospita numerosi bagni storici alcuni dei quali risalenti al XVI secolo. Le terme Király, ad esempio, furono realizzate dai turchi ottomani e si caratterizzano per una spettacolare piscina ottagonale situata ai piedi del Duomo illuminato. I turisti possono poi partecipare a un concerto d’organo nella basilica di Santo Stefano o rilassarsi sulle note di una sinfonia nel neo barocco Palazzo Danubio.

Se state pensando di investire in una proprietà di lusso a Budapest, contattate oggi Engel & Völkers. Con due sedi centralissime nella città e un portfolio di proprietà high-end sempre in espansione, siamo il partner ideale per la vostra ricerca.


Array
(
)